Breaking News
Home » News » George Cables Trio con Piero Odorici al Jazz Club Perugia

George Cables Trio con Piero Odorici al Jazz Club Perugia

Tweet about this on TwitterPrint this pageShare on Google+Share on FacebookEmail this to someone

Il fraseggio elegante, il tocco raffinato e percussivo, un eccellente senso del blues e un’incredibile vena compositiva hanno fatto di George Cables uno dei più importanti pianisti, dell’hard bop, oggi in attività. Con il pianista newyorkese, lunedì 17 novembre 2014 alle 21,30 – per la seconda data del cartellone del Jazz Club Perugia sul palco del Gio’ Jazz Area – suoneranno anche Victor Lewis alla batteria, Darryl Hall al contrabbasso e il nostro Piero Odorici al sassofono.

Fraseggio asciutto e “narrativo”, tocco incisivo senza essere “scampanante”, naturale senso dello swing, Cables è anche un compositore apprezzato. Con “Helen’s Song” ha suscitato interesse pure al di fuori dei confini del Jazz. In questo concerto il suo mainstream moderno e colloquiale incontra, ancora una volta, il sassofonista Piero Odorici, da anni al suo fianco e in perfetta linea con il suo linguaggio. Complice lo sguardo a Coltrane e ai sassofonisti Hard Bop di cui il musicista bolognese propone una personale sintesi caratterizzando un modo di improvvisare nel quale feeling ed energia rappresentano i principali elementi propulsori della musica.

La facilità con cui Cables sa adattare la sua sbalorditiva tecnica alle necessità espressive del jazz gli hanno pemresso di collaborare, da subito, con i più grandi artisti jazz del momento, come Paul Jeffrey, Max Roach e, nel 1969, Art Blakey. Sempre nel 1969 entra, addirittura, nel gruppo di Sonny Rollins. All’apice della sua carriera, Cables viene chiamato dal leggendario Dexter Gordon.

Dell’accoppiata con il batterista del Nebraska (Lewis) si può, a giusto titolo, dire che prima di essere grandi musicisti, sono stati grandi “poeti” e che proprio in virtù di questa peculiarità artistica hanno saputo allargare l’orizzonte espressivo del proprio strumento. Ed è anche grazie al loro contributo che il jazz ha saputo lasciarsi alle spalle il be bop e ha saputo inoltrarsi nella modernità, senza rotture e senza dimenticare la lezione del passato.

George Cables fa parte di quella genealogia di pianisti di grande esperienza che si trova a suo agio in molteplici situazioni espressive. La sua generazione, successiva a quella dei Tommy Flanagan, Wynton Kelly, Red Garland in sostanza i grandi session man affermatisi negli anni cinquanta, ha sviluppato un linguaggio che alla tradizione armonica del bebop aggiunge le concezioni del “modalismo” jazzistico degli anni sessanta.

La proposta musicale di George Cables si innesta dunque in quella linea jazzistica prettamente afroamericana che lega questa musica alle sue origini, nella quale si usano materiali che fanno parte di quella tradizione legata agli stili storicizzati del jazz, tutti del resto di provenienza americana.

Un concerto che porrà, dunque, l’ascoltatore di fronte a una configurazione “classica” dell’esperienza jazzistica, a un modo di suonare entrato nella storia della musica come patrimonio culturale, che mantiene ancora oggi il suo grande valore e rappresenta uno degli aspetti della molteplice scena musicale contemporanea legata al jazz e alla sua estetica. Con il quartetto si realizza, di fatto, una sorta di sogno. Piero Odorici, come scritto, è in totale intesa di linguaggio “Hard Boppista” con Cables. Il connubio si realizza in un modo di improvvisare nel quale feeling ed energia rappresentano i principali elementi propulsori della musica.

In fondo, questo gruppo inserisce la propria storia all’interno di un modo di pensare la musica definitosi mezzo secolo fa e poi costantemente aggiornato e personalizzato dalle successive generazioni di jazzisti. Sarà interessante ascoltarli insieme anche per trovare traccia del passato funky del contrabbassista Darryl Hall che ha cominciato a suonare il “quattro corde” elettrico ispirato dalla “funk generation” degli anni ’70.

 

Costo del biglietto biglietto: € 15 per posto unico che include anche l’appuntamento enogastronomico a buffet con inizio alle ore 20,15. Il concerto successivo, il terzo della stagione del Jazz Club Perugia, sarà quello di Pee Wee Ellis and the Mob Peppers previsto per Mercoledì 10 dicembre 2014 – ore 21,30, sempre all’Hotel Giò Jazz Area di Perugia.

Check Also

Jazz Day si festeggia anche in Umbria e a Perugia

Jazz Day si festeggia anche in Umbria e a Perugia

Jazz Day si festeggia anche in Umbria e a Perugia Anche a Perugia (come potrebbe ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *